Crea sito

Un giorno, per caso, incontro Vincenzo e Luisa e, parlando del più e del meno, racconto loro le difficoltà che ha Simone nel convivere con la sua allergia al latte e all'uovo, di quando, per cause che a molti possono sembrare insignificanti, ha rischiato lo shock anafilattico oppure di quando non riesce a respirare e deve ricorrere ai puff di cortisone.

Dico a Luisa che mi sento impotente e lei mi risponde "al contrario, saresti onnipotente", così decidiamo di fare qualcosa.

Pochi giorni dopo nasce l'associazione  "MONTI E MARE SALUS " , ma soprattutto nasce una nuova amicizia .

 

 

 "L' educazione è il pane dell'anima"     (cit. Mazzini)

 

Nella pagina delle allergie alimentari :

Istruzioni per usare correttamente il Fast Jekt e Chenpen (Adrenalina)

 ESCAPE='HTML'

Come utilizzare Aerochamber e Puff

 ESCAPE='HTML'

Estratto in sintesi dalla nota del MIUR prot. n. 2312 del 25 /11/2005, per la somministrazione di farmaci salvavita, all’interno della struttura scolastica.

VIASKIN , una speranza per le allergie alimentari

Allergie al latte e all'uovo ESCAPE='HTML'
allergie alimentari ESCAPE='HTML'

ALIMENTI DA EVITARE IN CASO DI ALLERGIA AL LATTE E ALL'UOVO

Allergie alimentari a latte e uovo ESCAPE='HTML'

Allergie alimentari, in Europa ne soffrono 17 milioni. In arrivo le linee guida

formaggio vegetale , ricette senza latte e uova ESCAPE='HTML'

 Mi piace il cibo che non debbano elaborare ,  e sorvegliare stuole di servi , non ordinato molti giorni prima né servito dalle mani di molti ma facile a reperirsi e semplice" (Cit. Seneca)

In edicola i nostri ricettari

La compagnia del boccon verde, 500 ricette al 100% vegetali, vegan e vegetariane

La compagnia del boccon verde, 500 ricette al 100% vegetali ESCAPE='HTML'

400 ricette senza latte e uovo e anche vegan.

Cuochi per amore 400 ricette senza latte e uovo, chochi per amore ricette vegan, cuochi per amore ricettario, cuochi per amore ricette tradizionali, chochi per amore ricette per allergie al latte e all' uovo ESCAPE='HTML'

Dalla prefazione del ricettario...

di Maria C. Grillone Giustacuore

LETTERA A SIMONE
   Ciao Simone. Ti ho conosciuto di recente. Hai voluto invitarmi a casa tua per gustare insieme un ottimo gelato privo di latte e di uova. Abbiamo parlato. Tu mi hai fatto dono di tanti imput che scaturivano dalla tua umanità già ricca perché carente della pienezza della salute. I tuoi genitori hanno messo a nudo il loro rapporto non facile con questa realtà. Io …. ho fornito informazioni apprese dai libri.
Dai nostri messaggi incrociati è scaturita una serie di riflessioni che in sintesi proponiamo a coloro che vivono la tua stessa esperienza.
E’ importante prendere coscienza che il cibo è vita, che l’alimentazione è energia. Tutto ciò che noi mangiamo va a nutrire la cellula e si trasforma in energia, un fenomeno che ha un’ importanza decisiva sulla nostra vita e del quale si occupò anche Einstein, che in risposta al problema formulò la legge E=mc2: esiste una relazione tra energia e materia.
Il cibo perciò assume particolare importanza anche come elemento curativo e preventivo. Ognuno di noi dovrebbe trovare per se il cibo più adatto, più congeniale per mantenersi in salute a prescindere dal piacere del gusto al palato.
L’antico motto socratico del Tempio di Delfi: “Nosce te ipsum” è determinante nel rapporto con la propria salute.
Fin dall’infanzia dovremmo imparare ad ascoltare il nostro corpo e a capire i suoi messaggi, perché da qui parte l’autentica prevenzione. Di conseguenza, una consapevole autogestione della propria salute è fondamentale per una vita sociale vissuta insieme agli altri nel reciproco rispetto.
Un concetto molto antico è quello di consumare i pasti seguendo alcune regole: masticare con calma, con uno stato d’animo sereno, in ambienti  appropriati, con luce soffusa, ventilati, silenziosi, puliti.
Oggi c’è ansia … l’aria, il cibo sono inquinati.
Dobbiamo perciò controllare le sostanze che immettiamo nel nostro corpo.
Ippocrate diceva: “Fate che il cibo sia la vostra medicina. “
La salute è un bene tale che i primi a sentirsene responsabili siamo noi stessi, orientati alla ricerca di un sempre nuovo equilibrio nella complessità del nostro organismo psico – fisico, fino a modificare l’andamento delle reazioni allergiche con opportuni accorgimenti alimentari.
Affermava A. Brillat Savarin. “ Gli animali si sfamano ; l’ uomo mangia; solo l’uomo di spirito sa mangiare. “
In queste parole troviamo il significato vero dell’ alimentazione umana: mettersi in rapporto personale con il cibo, imparare a conoscerlo, a sceglierlo, a prenderlo con gratitudine.
Sviluppare questo atteggiamento sin da piccoli è un modo efficace per prendere in mano se stessi, crescere sani nel corpo e forti nello spirito.
La salute del corpo è dunque importante, ma rappresenta solo una dimensione della nostra vita. Ciascuno di noi è unità inscindibile tra corpo, psiche e spirito.
L’elemento biologico e l’elemento psico – spirituale sono impastati l’uno nell’ altro. L’ uno senza l’ altro costituirebbe un essere vivente, ma non un uomo. Lo stato di benessere deve riguardare l’aspetto fisico, psichico, mentale, morale, relazionale.
La parola ‘ ben – essere ‘ non si identifica con il generico ‘ star bene ‘ così come la salute non è semplice assenza di malattia.
‘ Ben – essere ‘ è un processo dinamico che inizia con la nascita e continua per tutta la vita, finalizzato allo sviluppo armonico di tutta la persona e di tutte le sue potenzialità: fisiche, psichiche, spirituali. Tutto ciò comporta il conoscersi e l’accettarsi. Comporta la scoperta della semplicità, dell’ umiltà, del rispetto verso noi stessi, verso gli altri e verso l’ambiente in cui viviamo. Comporta la consapevolezza della responsabilità verso la propria salute da accrescere e da difendere, anche mediante una valida dieta, non solo per sé ma per il bene di tutti.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la salute: “ uno stato di benessere fisico, mentale e sociale “, cioè uno star bene con se stessi, con gli altri, con il mondo che ci circonda. Perciò la salute richiede conoscenza di sé, delle proprie esigenze a ogni livello: biologico, fisico, psichico, spirituale.
Anche il bambino va avviato alla scoperta delle meravigliose energie presenti nel suo corpo, vibranti nella sua psiche, noscoste nel suo spirito. In questa ottica il bambino, il ragazzo ‘ con problemi ‘ accetta più facilmente i sacrifici richiestigli dal rispetto della salute e comprende che non sta’ sacrificando la vita, ma la sta’ custodendo come un dono ricevuto. Sviluppare le proprie risorse interiori significa per lui ridare significato alla sua esistenza.
Questo processo di crescita lo aiuterà a non isolarsi, a non sentirsi bloccato nelle sue relazioni sociali , ma ad acquisire quella capacità che si basa sulla sicurezza di sé , sulla sicurezza di quel bene che ci è stato donato e che a noi è fatto obbligo di saper conservare: la Vita.
Il deficit del figlio è contemporaneamente la sofferenza dei genitori, attanagliati dal timore per la sua fragilità.
Le loro attenzioni spesso oppressive fanno sì che il bambino perda molto della sua autonomia. Sapere che il suo ‘ problema ‘ durerà tutta la vita rappresenta un grosso trauma per loro, anche perché comporta notevoli problemi da affrontare: la scrupolosa igiene alimentare, evitare che insorgano complicanze, assicurare un normale sviluppo psico – fisico, consentire la sua partecipazione alla vita di relazione, fornirgli le informazione sufficienti perché autogestisca il suo deficit.
La presenza attiva dei genitori in questa autogestione è necessaria perché il figlio va sostenuto psicologicamente di fronte agli immancabili cedimenti. Il loro atteggiamento deve essere sempre in equilibrio tra disciplina e permissività, senza mai farlo sentire un ‘ malato', perché ciò comporterebbe disturbi psicologici gravi. Loro per primi devono stimolare il proprio figlio a entrare nel gruppo di coetanei, a socializzare, ad acquisire stima e sicurezza di sé. Devono stimolare in lui il senso della meraviglia e dello stupore per la straordinaria complessità e armonia dell’ organismo umano, il desiderio di conoscerlo a fondo , di scoprire i suoi segreti in vista della salvaguardia della propria salute integrale.
   Caro Simone, mi dirai che queste righe non trasmettono tutta la carica umana e affettiva che si sprigiona dallo sguardo quando le parole si sostituiscono allo scritto. E’ vero ! Un giorno sarai tu a parlare ad altri. Per ora, ciao Simone ! Ti saluto con le parole della canzone di Benigni: “ Va’ Simone, il mondo aspetta te!”.

Maria C. Grillone Giustacuore
 

 ESCAPE='HTML'

Dalla Natura i sapori di una volta........

Castel Giorgio e dintorni (Monti) - Lago di Bolsena e Argentario (Mare)

Orvieto , Castel Giorgio , monti e mare salus ESCAPE='HTML'

L'Orto giardino

L'orto giardino viene coltivato con metodi semplici e naturali applicando un'insieme di tecniche, sinergico, biologico e naturale per fare questo abbiamo creato una bio-diversità importante,  seminando assieme,  leguminose, ortaggi, fiori, alberi da frutto, arbusti ornamentali, spezie, piante aromatiche, piante del sottobosco.

Il terreno viene lavorato il minimo indispensabile in modo che non perda le proprie caratteristiche naturali, creando così un equilibrio biologico,  tra piante e terreno, ottendo un'ottima fertilità.

I fertilizzanti usati nel nostro orto sono per la quasi totalità materiali organici prodotti dall'orto stesso, fogliame, erbe estirpate, scarti di frutta e ortaggi, bucce e foglie compostate. In caso di estrema necessità ricorriamo a concimi, comunque naturali,  come il pollino e a rari interventi con rame e/o zolfo.

Vai alla gallery per vedere le immagini.

 

ATTIVITA' FISICA E ALIMENTAZIONE

Attività fisica e alimentazione - Monti e Mare salus ESCAPE='HTML'

Attività fisica per tutti?


Un regolare esercizio fisico che aiuti a prevenire le malattie croniche, a proteggere da condizioni disabilitanti, a eliminare i fattori di rischio, è utile a tutte le età.

Per i ragazzi, oltre agli effetti benefici generali sulla salute, l’attività fisica aiuta l’apprendimento, rappresenta una valvola di sfogo alla vivacità tipica della giovane età, stimola la socializzazione e abitua alla gestione dei diversi impegni quotidiani.

Per gli adulti, invece, non è sempre facile trovare tempo libero per fare attività fisica e le attività lavorative, che sono spesso sedentarie, non aiutano certo in questo senso. Gli effetti benefici sarebbero però numerosi, anche limitandosi a fare movimento con tempi e intensità moderati. Piccoli accorgimenti come fare le scale invece che prendere l’ascensore, o non usare la macchina e andare a piedi, possono già essere utili per incominciare.

Infine per gli anziani, l’evidence dimostra che svolgere attività sportive aiuta a invecchiare bene. Aumentano le resistenze dell’organismo, rallenta l’involuzione dell’apparato muscolare, scheletrico e cardiovascolare e ne traggono giovamento anche le capacità psico-intellettuali.

A qualsiasi età, prima di intraprendere un’attività fisica costante, è comunque fondamentale il consiglio e il parere del medico sulla propria condizione personale: per una conferma dell’assenza di particolari controindicazioni, oltre che per un suggerimento sul tipo e sull’intensità dell’attività che si può intraprendere. In particolare, se durante lo svolgimento di una prestazione fisica si presentano disturbi, è consigliabile sospendere la prestazione stessa.
Tra i segnali di allarme più comuni: difficoltà di respirazione, dolore al torace, palpitazioni, nausea, svenimento, dolori muscolari accentuati, offuscamento della vista, vertigini e stanchezza eccessiva.

I consigli degli esperti


Ricorda che il movimento è essenziale per prevenire molte patologie

Cerca di essere meno sedentario, infatti la sedentarietà predispone all’obesità

Bambini e ragazzi devono potersi muovere sia a scuola sia nel tempo libero, meglio se all’aria aperta

L’esercizio fisico è fondamentale anche per gli anziani

Muoversi significa camminare, giocare, ballare andare in bici

Se possibile, vai al lavoro o a scuola a piedi

Se puoi evita l’uso dell’ascensore e fai le scale

Cerca di camminare almeno 30 minuti al giorno, tutti i giorni, a passo svelto

Sfrutta ogni occasione per essere attivo (lavori domestici, giardinaggio, portare a spasso il cane, parcheggiare l’auto più lontano)

Pratica un’attività sportiva almeno 2 volte a settimana (o in alternativa usa il fine settimana per passeggiare, andare in bici, nuotare, ballare)


Fonte: D.G. Prevenzione sanitaria - Ministero della Salute
 

Attività fisica e alimentazione , monti e mare salus

Mangiare sano e con gusto


Più frutta, verdura e legumi
Un’ alimentazione ricca di frutta, verdura e con un adeguato contenuto di cereali e legumi protegge dalla comparsa di diverse patologie, in particolare alcuni tipi di tumori e malattie cardiovascolari ed aiuta a mantenere il peso corporeo nella norma

Mangia a colori
Un consumo adeguato di frutta e verdura, oltre a mantenere l’equilibrio energetico, apporta anche un rilevante contenuto di vitamine, minerali; l’arancia, il pomodoro e il kiwi, ad esempio, sono ricchi di vitamina C, la carota e l’albicocca di pro-vitamina A, gli ortaggi a foglia verde e alcuni legumi di acido folico; anche i cereali contengono vitamine importanti per il nostro organismo quali la tiamina e la niacina. Gli effetti benefici del consumo di frutta, verdura e legumi dipendono anche dal fatto che alcuni loro componenti svolgono una azione protettiva, prevalentemente di tipo antiossidante, contrastando così l’azione di radicali liberi, coinvolti in processi di invecchiamento e in reazioni che sono all’origine di diverse forme tumorali. Per mantenere il peso corporeo nella norma è importante privilegiare alimenti poveri di grassi , ma di alto valore nutrizionale come verdura, frutta cereali e legumi.

Varia spesso le tue scelte
Il modo più semplice e sicuro per garantire un apporto adeguato di energia e nutrienti è quello di variare il più possibile le scelte e di combinare, opportunamente, i diversi alimenti. I principali gruppi di alimenti, (oltre quello costituito dalla verdura e dalla frutta che deve essere sempre presenti a tavola), sono:
cerali (esempio pane, pasta, riso ecc)  devono essere presenti ad ogni pasto principale.
diminuire i grassi da condimento, il cui consumo deve essere contenuto, dando la preferenza all’olio extravergine di oliva.
Per una dieta completa ed equilibrata, nell’alimentazione quotidiana devono essere presenti gli alimenti di ogni gruppo ricordando che, oltre ad un adeguato consumo di frutta, verdura, legumi e cereali,è salutare:
non eccedere nell’uso del sale,
moderare il consumo di alimenti e bevande dolci nel corso della giornata, preferendo i prodotti da forno della tradizione italiana (biscotti e torte non farcite)
bere acqua in grande quantità.

I consigli degli esperti


Bevi ogni giorno acqua in abbondanza

A tavola varia le tue scelte

Fai sempre una sana prima colazione ed evita di saltare i pasti

Consuma almeno 2 porzioni di frutta e 2 porzioni di verdura ogni giorno

In una dieta equilibrata i cereali (pane, pasta, riso etc.) devono essere consumati quotidianamente

Ricordati che i legumi forniscono proteine di buona qualità e fibre

Limita il consumo di grassi, soprattutto quelli di origine animale, privilegiando l’olio extravergine di oliva

Non eccedere nel consumo di sale

Limita il consumo di dolci e di bevande caloriche nel corso della giornata
E soprattutto... Evita le diete “fai da te” e rivolgiti sempre al tuo medico di fiducia.

IODIO E SALUTE

Monti e mare salus, associazione monti e mare salus

Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l’ossigeno,l’idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell’ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle rocce e nel suolo, per azione delle piogge e dell’erosione,è trasportato dalle acque superficiali nei mari e negli oceani. ll dilavamento dei terreni ha determinato il basso contenuto di iodio nei suoli. Lo iodio contenuto nell’acqua dei mari evapora nella atmosfera e, con le piogge, ritorna sulla superficie terrestre. Lo iodio presente nel mare si accumula nelle alghe, nei pesci e nei crostacei, mentre quello presente nei terreni viene assorbito dalle piante.

 

allergie alimentari, allergia al latte e all'uovo, monti e mare slaue

La fonte principale di iodio per l’organismo umano è rappresentata dagli  alimenti, il cui contenuto di iodio è estremamente variabile: nei vegetali la sua presenza dipende dallo iodio presente nel terreno in cui vengono coltivati, mentre negli alimenti di origine animale dipende dallo iodio assunto dagli animali con l’alimentazione. Gli alimenti più ricchi di iodio sono i pesci di mare ed i crostacei. Anche le uova, il latte e la carne ne contengono quantità importanti, ma, nel coso come il nostro, di allergie alimentari al latte e all’ uovo, questi sono assolutamente da evitare . Quantità minori sono contenute nei vegetali e nella frutta. Grandi quantità sono presenti invece nelle alghe di mare. Sulla base di studi specifici è comunque risultato che la quantità media assunta normalmente con la dieta dalla popolazione è insufficiente a soddisfare il fabbisogno giornaliero di iodio. Uno dei modi migliori per aumentare la quantità di iodio che introduciamo ogni giorno è quello di utilizzare, nell’ambito di una dieta variata e bilanciata, il sale arricchito di iodio al posto di quello comune. In aggiunta a quello già fornito con la dieta, ogni grammo di sale arricchito di iodio ci fornisce 30 microgrammi di iodio in più (ovverosia, nel caso di un individuo adulto, 1/5 di quello che è necessario assumere ogni giorno). E’ comunque necessario, al tempo stesso, ridurre il consumo abituale di sale (cloruro di sodio); elevati apporti di sodio aumentano infatti il rischio di malattie cardiovascolari, sia attraverso l’aumento della pressione arteriosa che indipendentemente da questo meccanismo. La cosa migliore da fare è quella di utilizzare sempre il sale arricchito di iodio, tenendo presente che dovremmo dimezzare i nostri consumi di sale (che attualmente corrispondono in media a circa 10 g al giorno) per raggiungere un compromesso tra il soddisfacimento del gusto e la prevenzione dei rischi legati al sodio.
Si può assumere lo iodio di cui abbiamo bisogno respirando l’aria, in particolare quella di mare che ne è ricca.
Chi soffre di malattie della tiroide o che presenta una particolare sensibilità non deve usare il sale arricchito di iodio.

allergie alimentari, monti e mare salus , allergia al latte e all'uovo

Ricorda anche che
Per mantenersi in buona salute è necessario adottare uno stile di vita sano.
Ecco alcuni consigli utili *:
• Controlla il peso e mantieniti sempre attivo
• Più cereali, legumi, ortaggi e frutta
• Grassi: scegli la qualità e limita la quantità
• Zuccheri, dolci, bevande zuccherate: nei giusti limiti
• Bevi ogni giorno acqua in abbondanza
• Il Sale? Meglio poco e iodato
• Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata
• Varia spesso le tue scelte a tavola


* “Linee guida per una sana alimentazione”
Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione

http://www.salute.gov.it
 

Il lavaggio nasale

Il lavaggio nasale , haloterapia ,monti e mare salus ESCAPE='HTML'